Torna a Eventi FPA

Gli eventi in programma

Torna alla home

  da 10:00 a 16:00

Servizi pubblici digitali per tutti. Disposizioni del Piano triennale, posizione del Comune di Palermo e opportunità concrete [ co.03 ]

Mercoledì 30 ottobre ore 10.00 - 16.00
Cantieri Culturali alla Zisa, Palermo

 

Il Comune di Palermo, in collaborazione con il Team per la Trasformazione Digitale e FPA – Forum PA, organizza una giornata a scopo informativo-formativo sui servizi pubblici digitali. Un evento fisico a Palermo per comunicare in maniera semplice ai cittadini e a tutti i portatori di interesse, i servizi pubblici digitali del Comune di Palermo attivati e di prossima attivazione. Le città sono i principali luoghi di creazione della ricchezza, della concentrazione del lavoro, di attrazione, formazione del capitale umano, ma anche di potenziale accentuazione delle disuguaglianze e dei conflitti. Per natura e funzioni sono inoltre tra gli enti maggiormente ingaggiati nell’erogazione di servizi pubblici al cittadino. Per tutti questi motivi, i Comuni agiscono spesso come veri e propri motori della creazione di innovazione.

La giornata sarà costituita da un primo momento istituzionale, moderato e facilitato dalle cariche più alte sul tema; a seguire, il pomeriggio sarà organizzato in tavoli di lavori tematici verticali sui servizi pubblici digitali prioritari per il Comune.

L’evento è aperto a tutti i portatori di interesse, ai cittadini, ai rappresentanti mediatici, con preghiera di massima diffusione.

È possibile iscriversi compilando il form:  bit.ly/partecipazione30ottobre2019

L’iscrizione è gratuita

 

Programma dei lavori

Saluti istituzionali

Orlando
Leoluca Orlando Sindaco di Palermo Biografia

Leoluca Orlando è nato nel 1947 a Palermo, è sposato e ha due figlie. Professore di ruolo di diritto pubblico regionale presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Palermo, avvocato, ha studiato e ha vissuto per alcuni anni ad Heidelberg, in Germania. E' stato consulente internazionale dell'Ocse di Parigi.
Tra il 1978 e il 1980 è stato consigliere giuridico del Presidente della Regione Sicilia, Piersanti Mattarella, ucciso nel 1980. Nello stesso anno è eletto consigliere comunale della Democrazia Cristiana: dal 1985 al 1990 è sindaco di Palermo: è il periodo della "Primavera di Palermo", durante la quale Orlando forma una Giunta composta da partiti e movimenti di sinistra, esercitando una specie di rottura con l'egemonia dei partiti. Nello stesso tempo, partecipa a convegni antimafia, promuovendo una forte crescita del movimento antimafia: il "lievito culturale" che culminerà con la nascita del Movimento per la democrazia "La Rete". Il suo impegno riguarda sia il piano politico che quello culturale e sociale: Orlando denuncia anche il pericolo rappresentato dall'economia mafiosa, attraverso la quale le cosche esercitano il loro potere, e delle alleanze di queste con i poteri forti. Nel 1989, in occasione delle elezioni per il Parlamento Europeo, Orlando, allora nella Democrazia Cristiana partito di maggioranza relativa, si rifiuta di candidarsi nella stessa lista con Salvo Lima, potente esponente della corrente andreottiana nella Sicilia occidentale, legato alle famiglie mafiose palermitane: "o io o lui nella stessa lista", è la condizione che Orlando detta al partito che, tuttavia, gli preferisce Lima.
Nel 1990 è capolista della Democrazia Cristiana per le elezioni comunali di Palermo. Andreotti, all'epoca potentissimo Presidente del Consiglio di cui Orlando aveva detto essere il garante della mafia, dichiara in diretta televisiva di invitare i palermitani a votare dal numero due in giù: 71 mila palermitani votano per Orlando. Nel 1991 fonda il Movimento per la democrazia "La Rete", il cui obiettivo principale è quello di riportare la questione morale nella politica italiana, grazie alla "trasversalità", alla partecipazione cioè di tutte le forze positive presenti nei vari partiti. La Rete si distingue quindi per il suo ruolo di "sponda" nella politica italiana contro la corruzione e il malaffare. E' di questo periodo la denuncia di Orlando del "Pamm", l'intreccio tra la politica, affari, mafia e massoneria, responsabile, oltre che di stragi e delitti, anche di pregiudicare gravemente lo svolgimento del processo sociale democratico in Italia, e ancor più in Sicilia, e capace anche di influire in altre regioni italiane e straniere.
Nel 1991 è eletto deputato all'Assemblea Regionale Siciliana nelle liste del "La Rete": sempre con La Rete nel 1992 è eletto deputato al Parlamento Nazionale. Eletto nel 1993 nuovamente sindaco di Palermo con il 75% dei voti sul 60% dei votanti, avvia subito una serie di riforme per allontanare gli interessi economici delle cosche dal Comune di Palermo. Continua il processo, già avviato durante la prima sindacatura (con difficoltà, considerato anche che a quell'epoca i sindaci erano espressione della volontà dei partiti e non eletti direttamente, soggetti così al controllo delle forze politiche e per questo più deboli), di dismissione dell'affidamento degli appalti per le manutenzioni a società sospettate di appartenere alle famiglie mafiose.
Nel 1994 è eletto deputato al Parlamento Europeo, dove è vicepresidente della Commissione per l'ingresso di Malta nell'Unione Europea e membro supplente della Commissione per la sicurezza e il disarmo: iscritto al gruppo dei Verdi, si impegna per un maggior ruolo del Mediterraneo nell'Ue. E' stato inoltre confermato membro della Commissione Europea Libertà Pubbliche e per gli Affari Interni ed è stato chiamato a far parte della Commissione di Politica regionale. Per la sua partecipazione al film "Gezählte Tage" - Giorni Contati, Orlando viene insignito del Fernsehen Film Preis 1994 quale migliore attore del film premiato come migliore film del 1994.
Alle elezioni amministrative del 30 novembre 1997 è stato rieletto sindaco di Palermo con 207.448 voti pari al 58,5% dei votanti. Dal giugno 1998 è Presidente del Car Free Cities Club, l'alleanza europea tra le città che promuove una mobilità urbana sostenibile riducendo l'uso dell'auto privata. Nel marzo 1999 a Weimar, gli viene conferita la "Goethe-Medaille" per l'importante contributo reso alla diffusione e alla promozione della cultura tedesca, siciliana e italiana. Nel maggio 1999 aderisce al partito dei "Democratici" fondato da Romano Prodi. Il 6 aprile 2000 il gruppo dei partiti democratici e liberali del Parlamento Europeo gli conferisce "l'European Civic Prize - Il Premio Civico Europeo" per il suo impegno contro la criminalità organizzata e a favore del rinnovamento civico della sua città. A Philadelphia, nel luglio del 2000, Orlando viene insignito del premio in memoria di Bayard Rustin, simbolo del movimento per i diritti umani. Nell'agosto 2000 il candidato del Partito Democratico per la presidenza degli Stati Uniti, Al Gore, invita Leoluca Orlando a intervenire all'International Leaders Forum di Los Angeles. Nel settembre 2000, in occasione delle celebrazioni locali in onore di Santa Rosalia, la città di Palermo in Colombia conferisce a Orlando la sindacatura onoraria.
Eletto Sindaco a seguito di Elezioni Amministrative del 6-7 maggio 2012 e del susseguente Ballottaggio del 20-21 maggio 2012.

Chiudi

Giambrone
Fabio Giambrone Assessore all’innovazione - Comune di Palermo
Le Donne
Antonio Le Donne Segretario Generale - Comune di Palermo

La Trasformazione Digitale nel Paese, lo stato dell’arte. Intervista a tre

Dominici
Gianni Dominici Direttore Generale - FPA Biografia

Laureato in Sociologia, nel 1985 è socio fondatore dello Studio Gris, nato su iniziativa di un gruppo di professionisti impegnati a valutare le implicazioni di natura sociale ed economica delle attività di governo, di progettazione e di valutazione degli interventi nelle aree urbane e rurali. Nel 1991 riceve l’incarico, da parte della Fondazione CENSIS, di coordinare le attività dell’Associazione RUR nata su iniziativa della Fondazione con la finalità di elaborare e sostenere proposte innovative per le trasformazioni delle città e del territorio. Dal 1993 ha introdotto all’interno dell’associazione un nuovo campo sistematico di analisi ed intervento relativo allo sviluppo delle tecnologie telematiche nello sviluppo territoriale. Tra il 1997 e il 1998 ha lavorato alla Commissione Europea (DGXXIV) come esperto nel campo delle implicazioni sociali dello sviluppo delle Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione. Dal primo gennaio 1999 a settembre 2007 è responsabile del settore Processi Innovativi della Fondazione Censis. In questo ruolo ha diretto numerose ricerche nel campo nella Società dell’Informazione e gestito progetti di telematica applicata. Dal primo gennaio 2001 al maggio 2006 ha assunto anche l’incarico di amministratore delegato di Atenea, una società di formazione in rete sui temi dell’innovazione e della tecnologia. Nel settembre 2007 è diventato vicedirettore generale di FORUM PA. Da gennaio 2010 ne è Direttore Generale.

Chiudi

Attias
Luca Attias Commissario Straordinario per l'attuazione dell'Agenda Digitale - Presidenza del Consiglio dei Ministri Biografia

Laureato in Ingegneria Elettronica presso “La Sapienza” Università di Roma ha successivamente conseguito il master in Ingegneria dell’Impresa all’Università di Tor Vergata. Dopo la laurea ha lavorato presso la Datamat SpA dove, nell’ambito di commesse legate soprattutto a sistemi real time nel settore avionico e satellitare, ha partecipato per diversi anni a gruppi di lavoro internazionali.  Ha lavorato alla Corte dei Conti come Dirigente Generale della Direzione Generale dei sistemi informativi automatizzati fino a fine ottobre 2018.

Si è impegnato per l’introduzione e lo sviluppo a tutti i livelli di una diffusa “cultura della società dell’informazione” e da diversi anni è diventato un punto di riferimento per una buona parte della Pubblica Amministrazione per le sue modalità di analizzare e comunicare i legami esistenti tra digitale, managerialità e lotta alla corruzione. Ha ottenuto in questi anni un elevato numero di riconoscimenti importanti soprattutto per la capacità di conciliare l’information technology con la managerialità. Le sue interviste e i suoi keynotes apparsi un po’ ovunque sono diventati una specie di “caso” sia per i contenuti altamente innovativi che per il numero di accessi e di commenti.

Chiudi

Virgone
Giuseppe Virgone Amministratore Unico - PagoPA Biografia

Classe ’68, Giuseppe Virgone lavora da trent’anni nell’ICT e nel mondo delle soluzioni sui pagamenti. Nel 2016, entra nel Team per la Trasformazione Digitale dove ad oggi ricopre il ruolo di Responsabile dei Pagamenti Digitali, Responsabile Strategico del progetto IO e dei rapporti con gli stakeholder. Nel 2013 fonda Sparkling18, azienda di soluzioni di pagamento digitale e wallet e vi rimane fino all’ingresso nel Team per la Trasformazione Digitale. Dal 2010 al 2013 è – per il Gruppo Verifone Italia - responsabile dei servizi transazionali CEO della controllata ABS. Nel 2000 fonda All Business Solutions (ABS) azienda che si occupa di applicazioni a valore aggiunto sui pagamenti e di applicazioni di loyalty fruibili su POS bancari. Per ABS ricopre, inoltre, il ruolo di CEO contribuendo a farla diventare una dei principali provider nazionali sulle soluzioni loyalty. Ha lavorato per Sicilcassa, Banco di Sicilia, Capitalia Informatica e Unicredit occupandosi di automazione bancaria dei processi, logical security e identity management.

Chiudi

Esperienze – Piattaforme e Servizi Pubblici Digitali a Palermo

App IO

De Santi
Matteo De Santi Chief Product & Design Officer, Team per la trasformazione digitale - Presidenza del Consiglio dei Ministri Biografia

Matteo De Santi (https://www.linkedin.com/in/matteodesanti/), membro del Team per la trasformazione da inizio 2017, ricopre ora il ruolo di Chief Product & Design Officer dopo essersi occupato di design del prodotto e user experience.

Per il team è il responsabile del progetto IO e della user experience di pagoPA. Presidia inoltre, trasversalmente a tutti i progetti, il tema dell’esperienza utente e coordina le attività dedicate al design dei servizi. È stato promotore della community Designers Italia e dei relativi kit e linee guida, e ha progettato l’interfaccia di molte delle piattaforme promosse dal Team Digitale.

Prima della chiamata al Team è stato brevemente responsabile della user experience e dell’interface design di Infocamere. Fra le altre esperienze è stato fondatore e product designer di Triboom, startup dedicata al crowdfunding per le società sportive e culturali. In precedenza consulente sulle tematiche del design e della user experience per diverse società private, atenei e enti pubblici. Parallelamente ha svolto attività di docenza e formazione per atenei pubblici e istituti di formazione privati in Italia.

Chiudi

PagoPA

Virgone
Giuseppe Virgone Amministratore Unico - PagoPA Biografia

Classe ’68, Giuseppe Virgone lavora da trent’anni nell’ICT e nel mondo delle soluzioni sui pagamenti. Nel 2016, entra nel Team per la Trasformazione Digitale dove ad oggi ricopre il ruolo di Responsabile dei Pagamenti Digitali, Responsabile Strategico del progetto IO e dei rapporti con gli stakeholder. Nel 2013 fonda Sparkling18, azienda di soluzioni di pagamento digitale e wallet e vi rimane fino all’ingresso nel Team per la Trasformazione Digitale. Dal 2010 al 2013 è – per il Gruppo Verifone Italia - responsabile dei servizi transazionali CEO della controllata ABS. Nel 2000 fonda All Business Solutions (ABS) azienda che si occupa di applicazioni a valore aggiunto sui pagamenti e di applicazioni di loyalty fruibili su POS bancari. Per ABS ricopre, inoltre, il ruolo di CEO contribuendo a farla diventare una dei principali provider nazionali sulle soluzioni loyalty. Ha lavorato per Sicilcassa, Banco di Sicilia, Capitalia Informatica e Unicredit occupandosi di automazione bancaria dei processi, logical security e identity management.

Chiudi

ANPR

Calvaresi
Mirko Calvaresi Technical Project Manager, Team per la trasformazione digitale - Presidenza del Consiglio dei Ministri Biografia

Sono appassionato di WEB dal 1996, quando ho realizzato il mio primo sito web sulle comunità virtuali descritte da Howard Rheingold, ma penso che la definizione migliore delle tecnologie che amo l’abbia data Italo Calvino in “Lezioni Americane” parlando di letteratura:

LeggerezzaRapiditàEsattezzaVisibilitàMolteplicitàCoerenza

L’opportunità di unirmi a questo straordinario team è arrivata mentre lavoravo a Zurigo per una multinazionale americana, Epam, con il ruolo di Lead Developer e Solution Architect, da cui mi sono dimesso per partecipare a questo progetto.

Ho iniziato nel 2000 in una società del gruppo Enel con la progettazione di corsi e-learning , per poi approdare al web, con un focus sulle tecnologie per la ricerca, l’integrazione dei dati e le interfacce universali. Sono laureato in Media e Comunicazione all’Università La Sapienza (1995-2000) e in Ingegneria Informatica presso l’Università Tor Vergata di Roma (2009-2013).

Ho avuto la mia prima esperienza internazionale nel 2007 quando ho lavorato per Tom Tom, occupandomi del backend per il download delle mappe, e quella è stata l’occasione per firmare l’Agile Manifesto.

Ho lavorato in Svizzera, Olanda, Inghilterra, Italia e ho coordinato e diretto team di sviluppatori sia in Italia che all’estero, formato e accompagnato il percorso di sviluppatori junior, gestendo team dislocati su sedi geografiche diverse.

Le mie specialità sono lo sviluppo e le architetture di componenti open source su piattaforma Java, Linux ed i miei interessi attuali riguardano la sicurezza e la privacy dei dati nelle applicazioni distribuite.

Parlo italiano, inglese, tedesco.

Mi sono incuriosito al progetto per lo stile semplice ed essenziale della sua presentazione e ho mandato il mio curriculum sintetico in inglese. Ho ricevuto la chiamata del team dopo alcune settimane, ma quello che mi ha convinto è stato il processo di selezione a cui sono stato sottoposto (compresa la prova di codice) e la trasparenza e le qualità umane che ho riscontrato nell’incontro con Diego.

Le mie passioni sono mia moglie Barbara e i miei figli Leonardo e Vittoria, che ogni giorno mi riportano per mano sulla terra alle cose che veramente contano.

Chiudi

Servizi Digitali nel Comune

Marchese
Gabriele Marchese Responsabile open data e Responsabile Transizione al Digitale - Comune di Palermo Biografia

Laureato in Giurisprudenza.

Dirigente del Comune di Palermo.
Da circa 20 anni impegnato nella digitalizzazione dei processi degli uffici comunali di Palermo in cui viene assegnato dal Sindaco.
Responsabile Transizione al digitale (art. 17 CAD) dal 2017.
Responsabile della conservazione documentale dal 2017.
Responsabile open data comunale dal 2015.

 

Chiudi

Agenda digitale del PON METRO - Asse 1

Morreale
Salvatore Morreale Responsabile Coordinatore SISPI - Comune di Palermo Biografia

Ingegnere, funzionario SISPI, la società per azioni costituita su iniziativa del Comune di Palermo per la progettazione, la realizzazione, lo sviluppo e la conduzione tecnica del Sistema Informatico e Telematico Comunale del Comune di Palermo, in cui ricopre la carica di responsabile dell’Area di Coordinamento Generale con il compito di sovrintendere alla gestione dei servizi oggetto della convenzione per lo sviluppo e la conduzione tecnica del sistema.

Chiudi

Servizi digitali nelle scuole

Ufficio Scolastico Regionale
Intervento a cura del Ufficio Scolastico Regionale Regione Siciliana

Light Lunch

Open Fiber
Intervento a cura di Open Fiber

Sessione parallela: le Academy Servizi Pubblici Digitali

App IO

De Santi
Matteo De Santi Chief Product & Design Officer, Team per la trasformazione digitale - Presidenza del Consiglio dei Ministri Biografia

Matteo De Santi (https://www.linkedin.com/in/matteodesanti/), membro del Team per la trasformazione da inizio 2017, ricopre ora il ruolo di Chief Product & Design Officer dopo essersi occupato di design del prodotto e user experience.

Per il team è il responsabile del progetto IO e della user experience di pagoPA. Presidia inoltre, trasversalmente a tutti i progetti, il tema dell’esperienza utente e coordina le attività dedicate al design dei servizi. È stato promotore della community Designers Italia e dei relativi kit e linee guida, e ha progettato l’interfaccia di molte delle piattaforme promosse dal Team Digitale.

Prima della chiamata al Team è stato brevemente responsabile della user experience e dell’interface design di Infocamere. Fra le altre esperienze è stato fondatore e product designer di Triboom, startup dedicata al crowdfunding per le società sportive e culturali. In precedenza consulente sulle tematiche del design e della user experience per diverse società private, atenei e enti pubblici. Parallelamente ha svolto attività di docenza e formazione per atenei pubblici e istituti di formazione privati in Italia.

Chiudi

SPID

Spataro
Ciro Spataro Area Servizi alla città Servizio Innovazione, U.O. Transizione al Digitale - Comune di Palermo Biografia

Dipendente del comune di Palermo, Ufficio Innovazione, impegnato nella transizione al digitale dei processi amministrativi comunali e nella pubblicazione di open data. Civic hacker appassionato di cittadinanza digitale, mappe interattive e cultura dei servizi digitali, membro di opendatasicilia

Chiudi

Chiusura dei lavori

Torna alla home